Tutti i rivoluzionari, alla fine, scappano.

elezioni-albano-viviAmoAlbano

Quelli che rimangono, quelli che consapevolmente accettano le conseguenze delle proprie scelte, quelli che credono in un progetto superiore che va al di là ed al di sopra della propria persona, quelli sono i ribelli.

Io non sono un rivoluzionario, sebbene, di pancia, nutra una istintiva simpatia verso chi si professa tale.

Sono un ribelle. O, se preferite, in una forma di autocitazione, sono uno sfacciato testa di cazzo.

E non scappo. Consapevole che la ribellione, lo insegna la storia, richieda grandi sacrifici personali. Perché è un atto di resistenza che parte, a volte, da dolorose assunzioni di responsabilità.

Il Luca Andreassi rivoluzionario, ad Albano, si sarebbe candidato sindaco, come molti mi hanno chiesto di fare. Un sostegno che non solo è stato gratificante, ma ha avuto per me un enorme significato. Dal punto di vista umano, innanzitutto. Sostegno di cui sono davvero grato.

Ma, oggi, Albano non ha bisogno del Luca rivoluzionario. Albano, per continuare la metafora, ha bisogno del Luca ribelle. Quel Luca, cioè, che si sente responsabile della sua rivolta, nel bene e nel male, e accetta, nella vittoria o nella sconfitta, questa responsabilità.

La mia ribellione è in questa foto, scattata poche ore fa.

E in quel simbolo che ho tra le mani. Quel simbolo rappresenta il nome, i colori, il segno e, permettetemi, anche l’orgoglio, della lista #ViviAmo #Albano che parteciperà alle prossime elezioni del 20 e 21 settembre. Nella casa del centrosinistra dove sono impegnato da anni, a sostegno del candidato sindaco Massimiliano Borelli.

Una lista che ho voluto fortemente, fatta da donne e uomini alla prima esperienza politica, professionisti che alla politica non devono chiedere nulla, ma a cui hanno tanto da offrire. Passione, concretezza,competenza. Persone che hanno creduto nella ribellione che ViviAmo Albano rappresenta e che vogliono metterci la faccia per rendere Albano diversa, fruibile, migliore.

Consapevoli di quanto di buono sia stato fatto negli anni. Ma, prima di chiunque altro, convinti che molto ci sia ancora da fare e che altro poteva essere fatto meglio o in maniera diversa.

E noi saremo lì, a ricordare a Massimiliano Borelli che non ci accontentiamo.

Vogliamo che Albano entri nelle eccellenze italiane ed europee per il suo patrimonio culturale, turistico, per il suo commercio, perché è una città bella, in cui si vive bene, perché ci sono i parchi dove fare sport, dove i bambini possono giocare e i nonni accompagnarli. Perché è una città sicura, accessibile e solidale.

Non arretreremo di un centimetro su queste idee, che prendono forma nel simbolo che abbiamo scelto.

Ma voi quante volte avete visto dei bambini in un simbolo elettorale? Probabilmente nessuna.
Noi invece vogliamo partire da lì, proprio da loro, perché se una città è a misura di bambino vuol dire che è una città migliore per tutti. Prendere i bambini come riferimento del governo della città significa, infatti, adottare un punto di vista diverso e lungimirante nelle scelte amministrative.

E sì. Sono orgoglioso. Lo sono oggi nel presentare questa lista e questo simbolo. Perché dietro quel simbolo, nei nomi che la comporranno, nel programma delle cose da fare, troveremo e troverete lo spirito vero di questa città.

E poi ci sono io.

Sì, anche io sarò candidato nella lista ViviAmo Albano.

Metterò a disposizione di tutti la mia esperienza, la mia conoscenza, i miei risultati, con la testa, il cuore, il sudore e il coraggio che questa nuova sfida merita.

Con la modalità che da sempre ha caratterizzato la mia azione sul territorio. Competenza, concretezza, trasparenza e condivisione.

Ed allora che la ribellione abbia inizio.

A tutto voi l’opportunità di renderla una esperienza straordinariamente bella.

La più bella. Perché non sarà solo la mia ma sarà quella di un’intera comunità che si candida per la prima volta per cambiare le cose.

Dateci una mano.

#ViviAmoAlbano con #MassimilianoBorelliSindaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *