Andreassi Luca

49 anni. Ingegnere meccanico. Per vivere ho scelto di svolgere quello che per me è il mestier più bello del mondo: insegnare. Sono Professore universitario all’università di Roma Tor Vergata e vivo il confronto continuo con gli studenti come un’opportunità ed uno stimolo per migliorarsi ed aggiornarsi.
Da sempre amo lo sport. Amore che si declina principalmente nel basket e nella Virtus Roma della quale sono stato abbonato dal 1985 al 2013 e nel calcio e nella Lazio. Ma non solo sport da spettatore. Per tenermi in forma corro e gioco a tennis.
E poi la politica. Tutto è cominciato quasi per caso nel 2005 quando venni eletto nelle allora esistenti Circoscrizioni ad Albano Centro. Circoscrizione che presiedetti per l’intero quinquennio. Poi per dieci anni consigliere comunale di maggioranza con la delega alla gestione dei rifiuti ed all’informatizzazione ed alle nuove tecnologie.
Da febbraio di quest’anno sono coordinatore provinciale per la provincia di Roma di Italia Viva.
I principali risultati amministrativi possono essere riassunti con dei numeri. Dieci anni fa Albano era allo 0% di raccolta differenziata, nessuna isola ecologica, un inceneritore autorizzato con cantiere pronto ad essere aperto a Roncigliano. Dopo 10 anni, Albano è all’82% di raccolta differenziata, ai vertici nazionali e regionali, è stato il primo comune in Italia per quantità di plastica procapite riciclata e, sempre a livello nazionale oscilla tra il secondo e terzo posto per quantità di abiti usati raccolti. L’isola ecologica è attiva dal 2013, ed a confine, Volsca ambiente e Servizi spa, che 10 anni fa era in concordato fallimentare, ha acquistato un terreno ed n capannone industriale che consentiranno la centralizzazione di molti servizi, come quello del compostaggio di comunità. Il finanziamento ottenuto per il centro di riuso ne vedrà a breve la realizzazione e Albano sarà il primo Comune del Lazio ad esserne dotato. Il tutto con una tassazione via via sempre più contenuta anche grazie all’introduzione del sistema puntuale che consente di far pagare sulla base di quanto rifiuto si produce effettivamente.
 

I Candidati